Aldo Dalla Vecchia

Le tre gru di Porta Volta sono comparse nella tua vita all’improvviso, qualche tempo dopo l’inizio dei lavori. Le hai viste, te ne sei innamorato. Esci la mattina e le saluti, già sveglie e indaffarate. La sera torni a casa (abiti vicino), le vedi volteggiare nel fuoco del tramonto, e pensi alle tre Parche che giocano con i fili della vita. Altre volte, immerse nell’azzurro di «quel cielo di Lombardia, così bello quand’è bello», diventano le Tre Cime della tua infanzia, e il cuore si fa più piccolo. Le tre gru di Porta Volta non dormono mai: stanno sveglie tutta la notte per dedicarti una ninna nanna silenziosa ma melodica, mentre le lucine rosse entrano dagli scuri lasciati aperti e rischiarano la stanza, a intermittenza, come un albero di Natale sempre acceso. Il giorno in cui le tue tre gru saranno volate via ti sentirai più solo, ma confortato dal pensiero del loro nuovo viaggio verso altri nidi da costruire.